parallax background

Il produttore Nicola Paparusso si allea a Naomi Campbell per incrementare l’Alta Moda Africana

articolo-corriere
Moda e razzismo, dall’African Fashion Gate la proposta per cambiare versoModa e razzismo, dall’African Fashion Gate la proposta per cambiare verso
12 maggio 2016
7
Calendario e Stage formativo per i bambini del Ciad
22 settembre 2016

Il produttore Nicola Paparusso si allea a Naomi Campbell per incrementare l’Alta Moda Africana. Il produttore televisivo e scrittore, come ha già fatto in passato la celebre top model, scende in campo con il suo team per incrementare le passerelle dell’Alta Moda di modelle africane.
Nicola Paparusso, Alex Kfoury Rubih e Terry Devol alla ricerca e valorizzazione di talenti africani. Scende in campo anche la nota Agente delle Top Model Emanuela Corsello.

L a mission è Incentivare le espressioni artistiche africane in particolare la moda

In Africa esistono espressioni artistiche inimmaginabili. È volontà di Nicola Paparusso COO della Abbey Road e del produttore libanese Alex Kfoury Rabih patron della Platinium, coadiuvati da Terry Devol, far emergere questi talenti dai luoghi del continente Africano. La purezza intellettuale legata al riciclaggio dei materiali utilizzati nelle loro opere caratterizza la loro arte ricca di significato e ne valorizza il genio artistico. Questi artisti sconosciuti se aiutati, possono esprimersi a livelli altissimi, l’interesse di Paparusso e Kfoury è di intraprendere un cammino comune che possa portarli ad esporre le loro opere sul territorio e fuori dai loro confini nazionali. La stessa opportunità vuole essere offerta ai cantanti, ai musicisti e agli attori africani. L’obiettivo è quello di far conoscere l’arte Africana anche al di fuori del suo continente, dare una possibilità a talentuosi artisti di esprimersi e di trasformare la loro vocazione artistica in una vera professione nonché di sperimentare contaminazioni ad ogni livello artistico.

L e regioni africane sono un serbatoio inverosimile di bellezza femminile e maschile

Stesso ragionamento per il fashion. “Le regioni africane sono un serbatoio inverosimile di bellezza femminile e maschile, ma per tante ragioni questo patrimonio genetico non emerge poi così tanto sulle passerelle dell’alta moda” afferma Paparusso. Proprio questa è la mission che questi si propone insieme a Kfoury, Terry Devol e la famosa agente di modelle Emanuela Corsello pronta a partire per Dakar: incrementare le passerelle dell’alta moda di modelle e modelli africani ed in particolare senegalesi.


N ella capitale del Senagal avverrà il più imponente cast di bellezze nere da inserire nella scuderia della Corsello

Proprio nella meravigliosa capitale del Senagal avverrà il più imponente cast di bellezze nere da inserire nella scuderia della Corsello che diventerà insieme a Ndieme Diouf patron della Maison de la Mode, il serbatoio europeo da cui attingere il meglio di quel meraviglioso patrimonio genetico. Saranno siglati accordi tra la Corsello e le più importanti agenzie di management africane e da subito messe sotto contratto le più belle aspiranti modelle ma anche gli scultorei modelli. La nota stilista Vanessa Foglia si è detta disponibile a inserire nel suo evento romano le prescelte e di spingere così con il suo esempio i colleghi a fare altrettanto favorendo questo processo di interscambio culturale e professionale. Nicola Paparusso nella sua intervista non fa’ mancare stoccate ai fashion designer, pubblicitari e organizzatori di eventi rei di trascurare la presenza sulle passerelle di top model appartenenti a minoranze etniche, favorendo esclusivamente le bianche. “La scelta di una modella dovrebbe essere basata soltanto sulla sua bellezza e sul suo talento, non sul colore della sua pelle”, afferma Paparusso ricalcando quanto già denunciato da Naomi Campbell che pubblicò i dati di un’indagine da cui risultava che alla Fashion Week di New York precedente alle sue dichiarazioni, soltanto il 15% delle modelle salite in passerella erano nere o asiatiche.

Ma la più famosa modella nera del Mondo non si limitò a tanto e aggiunse: “Questi atteggiamenti sono veri e propri atti di razzismo” e poi “Non dico che i designer di alta moda siano personalmente razzisti, ma il loro comportamento lo diventa quando escludono modelle di colore”.

“Naomi, e’ stata molto coraggiosa” afferma Paparusso’ e poi: “ha pubblicamente accusato molti dei grandi nomi del fashion internazionale, tra cui Calvin Klein, Donna Karan, Chanel, Armani, Gucci, Yves-Saint Laurent, Roberto Cavalli e Marc Jacobs. Nel mirino anche un’ultima arrivata nel campo dell’alta moda, Victoria Beckham, accusata di avere usato una sola fotomodella nera per le sfilate della linea che porta il suo nome. La Campbell si disse poi tuttavia fiduciosa che alla settimana della moda di Londra, iniziata nei giorni successivi all’intervista ci sarrebbe stato più spazio per le fotomodelle nere e asiatiche, e in effetti i responsabili della manifestazione fecero appello alle case di moda affinché i loro show riflettessero l’atmosfera multiculturale e multietnica della capitale britannica”. La Campbell e Iman, l’ex fotomodella africana sposata con David Bowie, hanno fondato di recente la Diversity Coalition, un’associazione diretta a combattere la discriminazione razziale nel mondo della moda. Attendiamo news quindi da questa mission che il team italiano e’ in procinto di compiere con il nostro in bocca a lupo.